In questo momento di assoluta incertezza dato dal connubio tra guerra e pandemia è facile perdersi senza essere in grado di ritrovare più la strada da percorrere. In particolar modo per quanto riguarda il lavoro, divenuto ormai quasi utopia per tantissimi giovani e non giovani. Certo un ruolo importante è la formazione, un tema su cui anche il presidente del Consiglio Mario Draghi si è espresso più volte. E così, pensando al futuro del Paese con l’obiettivo di far lavorare donne e uomini è nato a novembre 2021 il progetto di I-CREA Academy-Fondazione ITS, un nuovo Istituto Tecnico Superiore che per l’anno 2022 presenta tre percorsi formativi: Strategic Visual Designer per la cultura e il territorio, Atelier del Restauro Tessile: Digital and Handcraft Culture e Photo Cataloging and New Media. I tre corsi, della durata di due anni, sono finanziati da Regione Lombardia e accoglieranno 20 studenti ciascuno. Le iscrizioni sono aperte fino al 28 marzo 2022 e i corsi partiranno il 31 marzo. Il progetto prevede 2.000 ore di lezione, delle quali 800 trascorse all’interno delle aziende.

 

Una scuola di alta formazione rivolta al mondo della cultura

 

I-CREA Academy nata con l’obiettivo di promuovere i beni e le attività culturali del territorio italiano, attraverso percorsi formativi espressamente rivolti al mondo della cultura e della creatività. Si tratta di una scuola di alta formazione nata dalla collaborazione fra pubblico e privato. Il progetto che ha come soci fondatori fondatori Afol Metropolitana, Fondazione La Triennale di Milano, l'Istituto Professionale Servizi Commerciali W. Kandinsky, l’Istituto di Istruzione Superiore F. Besta, la Libera Accademia Belle Arti – LABA, la Città Metropolitana di Milano, il Comune di Pieve Emanuele, Assolavoro e la LIUC - Università Cattaneo, propone corsi post-diploma su alcune delle attività che caratterizzano l’economia milanese: moda, cultura, turismo e servizi. In sintesi lavora per formare professionisti capaci di valorizzare e promuovere i beni e le attività culturali attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e nuovi linguaggi comunicativi e il coinvolgimento di nuovi target. L’obiettivo è preparare figure competenti che sappiano combinare tecniche tradizionali tipiche della conservazione del patrimonio e dei beni culturali con abilità e conoscenze innovative legate alla digitalizzazione.

 

Del Conte, presidente I-CREA Academy: “Il nostro impegno è una formazione di qualità”

 

A parlare di I-CREA Academy è il presidente Maurizio Del Conte: “Il nostro impegno è sviluppare una formazione di qualità per migliorare la riduzione di qualità in termini di competenze. Il nostro obiettivo è dare un’opportunità di inserimento nel mercato del lavoro del futuro cercando di anticipare le richieste del domani. Inoltre, cerchiamo di coniugare percorsi di istruzione secondaria di tipo umanistico con le nuove tecnologie”. Conte, anche presidente di Afol Metropolitana, sottolinea: “Abbiamo fortemente voluto questa nuova Fondazione ITS nella convinzione che nel nostro paese sia possibile e doveroso investire nel settore culturale anche attraverso la formazione di nuovi tecnici digitali necessari al mercato. I-CREA vuole essere un luogo di contaminazione di creatività, innovazione e cultura”.

 

Dubini, presidente di Triennale Milano Teatro: “Triennale è un luogo di formazione”

 

Paola Dubini, membro della Giunta esecutiva di I-CREA Academy – Fondazione ITS e Presidente di Triennale Milano Teatro, dichiara: “La nostra partecipazione al progetto della I-CREA Academy fa emergere come Triennale Milano sia molto di più di un centro culturale dedicato ai linguaggi della contemporaneità. Triennale è un luogo di formazione, di ricerca, di condivisione di competenze e saperi legati alla cultura, all’arte e alla creatività. Questo progetto nasce dalla convinzione che la cultura possa giocare un ruolo determinate nell’economia cittadina e nazionale”.