Inaugurata la stazione di ricarica elettrica più grande d’Europa di Ionity

La stazione di ricarica elettrica più grande d’Europa di Ionity è finalmente realtà. È stata presentata questa mattina, presso la sala municipale del comune di Affi, in provincia di Verona, la stazione ultrafast Ionity che può vantare ben 18 Chargers con potenza nominale fino a 350 kW ciascuno e connettore CCS COMBO2, alimentati da energia 100% rinnovabile e coperti da un sistema di pensiline fotovoltaiche, con l’obiettivo di generare energia pulita e di proteggere gli utenti e i veicoli da sole e intemperie durante la sosta.

La stazione di ricarica elettrica più grande d’Europa di Ionity, tutto quello che bisogna sapere

Il Comune di Affi non è solo uno dei maggiori hub per la ricarica in Italia, ma rappresenta un case study esemplare di come un centro urbano che abbia investito in energia rinnovabile e mobilità elettrica possa creare un indotto turistico ed economico florido, e divenire punto strategico per i flussi veicolari della propria area territoriale: «Affi inizia nel 2011 ad approcciarsi all’energia rinnovabile con progetti unici nel territorio - le parole del Sindaco del Comune di Affi Marco Giacomo Sega - lentamente siamo diventati un modello e di questo siamo orgogliosi.  Nel 2016 sono state installate anche delle pale eoliche, proseguendo il nostro paese e divenendo il primo paese a raggiungere le intese del protocollo di Kyoto. E oggi l’hub di ricarica, che favorisce le casse comunali. Fotovoltaico, pale eoliche, pensiline al centro commerciale e ricarica elettrica, abbiamo chiuso un cerchio per quanto riguarda l’energia pulita».

L’importanza della stazione di ricarica elettrica più grande d’Europa per Ionity

Oggi sul territorio di Affi ci sono 44 colonnine di ricarica fast, una ogni 44 abitanti circa, molto meglio del decreto sviluppo del governo Draghi che ne prevedeva una ogni mille. Merito anche di Ionity: «Siamo una joint venture di cinque gruppi automobilistici, BMW, Ford, Hyundai, Mercedes e Volkswagen - le parole di Elena Airoldi Country Manager Italia Ionity - quando si viaggia c’è bisogno di ricaricare velocemente, diciamo 15/20 minuti. Questo è il nostro percorso e lo facciamo erogando energia 100% rinnovabile; ad oggi abbiamo 476 stazioni di ricarica con 2276 punti in 24 paesi europei». Quale sarà il futuro di Ionity? «Siamo nella seconda fase della nostra crescita, da qui al 2025 l’obiettivo sarà passare dalle attuali ad oltre mille. E questo mese apriremo un nuovo cantiere anche a Peschiera del Garda, che sarà uguale a questo di Affi, con 18 colonnine con potenza singola da 350 kWh».

Il mercato italiano di Ionity

Partiti nel 2018, ad oggi ne esistono 28 stazioni di ricarica. Entro il 2025 l’obiettivo è triplicare la rete italiana con 12 charger: «Affi per noi è il sito più grande d’Europa, coperte con una pensilina fotovoltaica con picchi da 75 kw picco - prosegue ancora Elena Airoldi - che non riesce a coprire tutta l’energia necessaria, lo fa in parte, ma è comunque un chiaro segnale. Aggiungo che abbiamo aperto al pubblico a Pasqua, senza pubblicità, ma già in quel weekend abbiamo avuto 586 sessioni di ricarica divenendo, quello di Affi, il 25esimo posto più usato in Europa. Quelli prima erano solo siti scandinavi». Numeri che confermano il turismo, di matrice elettrica, presente in Italia.